Aus der Enge – la nuova guida di Unikum

E’ appena uscito “Aus der Enge – Wandern und Einkehren im Nordwesten Friauls”, il nuovo volume della collana “Wander-Reise-Lesebücher” a firma Unikum, il centro culturale dell’Università di Klagenfurt. Vengono presentati con il ben noto stile degli autori  27 itinerari che si svolgono per metà in Carnia e per metà nelle valli del Pordenonese, con un paio di incursioni nella zona collinare del Friuli (elenco completo qui sotto).

Un’immagine di forte impatto, l’acqua turchese di un torrente che scorre in una stretta forra, occupa tutta la copertina. Il titolo, quasi intraducibile nella sua molteplicità di significati e inscindibilmente abbinato all’immagine di copertina, merita una spiegazione: letteralmente significa “uscire fuori da qualcosa di stretto” ed è sottinteso che si andrà a dispiegare le proprie vele verso qualcosa di aperto, che potrebbe essere lo sbocco del torrente di montagna nella pianura, l’uscita da una valle stretta verso spazi più vasti, ma anche l’abbandono di visioni limitate, pregiudizi e ideologie che costituiscono strettoie mentali da cui ci si può liberare con lo studio, la conoscenza e il viaggio. Questo e molto altro nelle 500 pagine di itinerari inediti, saggi storici e ambientali e informazioni a tutto tondo dedicati interamente al Friuli Nord-Occidentale!

Chi desiderasse ordinarlo può fare riferimento a questa pagina del sito di Unikum, cliccando su “Bestellen”.

Leggi tutto “Aus der Enge – la nuova guida di Unikum”

Puestine di mont: Elena Tavella

“Che male c’è se un postino di montagna dà un passaggio a una vecchietta che stenta a fare la strada di casa in un giorno afoso d’estate? E’ inutile andare a messa la domenica, mi pare, e poi lasciare che gli anziani tirino le cuoia su pa la rive!” Comincia così la mia intervista a Elena Tavella, puestine di mont, che con la grinta che la contraddistingue entra subito nel vivo dei problemi senza tanti preamboli.

Elena è diventata postina quasi per caso, per poi scoprire che è davvero il lavoro che fa per lei. Purtroppo attualmente è disoccupata perchè, pur avendo accumulato molto punteggio con il lavoro precario trimestrale, questo non le serve a nulla perché le graduatorie sono chiuse e le nuove regole per l’assunzione degli avventizi varate nel 2009 prevedono una sola chiamata all’anno. Ma procediamo con ordine. Leggi tutto “Puestine di mont: Elena Tavella”

Il bio-tesoro di Cabia

In compagnia di Tullio Fior andiamo alla scoperta delle centinaia di varietà di alberi da frutto che hanno reso famosa la frazione di Arta e che ancora sopravvivono e vengono conservate con sapienti innesti.

In questo viaggio alla ricerca della biodiversità una tappa obbligata è Cabia, frazione di Arta, un paese soleggiato “sito in posizione bellissima sopra un verde terrazzo a cavaliere delle valli della Bût e del Chiarsò, celebrato per le ciliegie e l’acquavite di prugne” come scriveva Giovanni Marinelli nel 1912. Qui, a un’altitudine media di 800 metri, dove il sole batte dalla mattina alla sera, vivono e prosperano ancora centinaia di alberi da frutto, molti di antiche varietà, a formare una vera e propria foreste di pomârs, come ci racconta Tullio Fior, guardia forestale regionale e autentico appassionato di alberi da frutto. Leggi tutto “Il bio-tesoro di Cabia”

Peri e meli di Carnia

Due appassionati frutticoltori carnici, Duilio Cacitti di Caneva e Pietro Felice di Agrons, sono i custodi di decine di antiche varietà di peri e meli, tra cui anche il famoso pero Janis portato dalla Spagna nel 1500.

Questo viaggio alla ricerca della biodiversità inizia con un piccolo scoop pomologico di cui sono debitrice a Tullio Fior, guardia forestale e frutticoltore di Cabia. Grazie a lui sono riuscita infatti a rintracciare gli ultimi due esemplari di pero Janis esistenti in Carnia, e precisamente a Caneva, frazione di Tolmezzo, nel giardino-frutteto di Duilio Cacitti. Leggi tutto “Peri e meli di Carnia”